Contatti
Casa per Esercizi Spirituali
"Pascal d’Illonza"
Piazza S. Pietro, 1
12100 San Pietro del Gallo - Cuneo
Tel. 0171.682223
E-mail: casaesercizi@diocesicuneo.it
C.F. 96016930040 - P.IVA 02855630048
Il Colombaro
La fondazione

Il primo progetto dell'istituzione risale al Conte Carlo Pascal d'Illonza, il quale nell'atto 24 novembre 1819 con cui acquistava due giornate di terreno e ne cedeva la proprietà alla Parrocchia di San Pietro del Gallo, aveva inteso, tra l'altro, "la costruzione di un fabbricato per gli Esercizi Spirituali secondo il disegno in progetto". Morto il Conte il 13 febbraio 1824, la vedova, Contessa Felicita Pascal nata Mejnier di Villanova, non dimenticava l'intenzione del marito e nel testamento in data 30 gennaio 1838, presentato al rogito del notaio Orazio Cassinis di Torino il 7 febbraio successivo ed aperto il 19 novembre 1839 così stabiliva:

"ogni anno... si rinnoveranno per ben due volte in detta fabbrica (casa del Colombero) ossia si daranno due mute di privati esercizi spirituali, cioè una per gli Ecclesiastici e l'altra per i secolari ed ogni tre anni si farà una pubblica missione nella parrocchia di San Pietro del Gallo, e la scelta e nomina delli predicatori tanto per gli esercizi che per la missione apparterrà all'Ili.mo Monsignor Vescovo coll'aggredimento del Signor Parroco prò tempore e le spese occorrenti per li predicatori e pel loro mantenimento si faranno tutte sui redditi della cascina... del Molinetto. Prego poi Monsignor Vescovo ed il Signor Parroco di voler sempre un anno prima fissar il tempo delle rispettive mute degli Esercizi e, nell'avvicinarsi all'epoca che sarà per stabilirsi, faranno affiggere gli avvisi nelle diverse chiese e sacrestie tanto della Città come della Diocesi, acciò vi sia sempre tutto quel numero di soggetti che potrà la fabbrica contenere, come sì di assicurarsi un anno prima, per quanto sarà possibile, di predicatori che dovranno dettarli ed è pregato il Signor Parroco prò tempore di fare recitare tutti li giorni dai Signori Esercitandi tanto ecclesiastici che secolari la Salve Regina e il salmo Misere re per i defunti della famiglia".
Oggetto dell'Opera era dunque:l) un corso annuale di Esercizi Spirituali per i sacerdoti della diocesi di Cuneo;
2)  un corso pure annuale di Esercizi Spirituali per i laici diocesani;
3) una Missione Spirituale ogni tre anni nella parrocchia di San Pietro del Gallo.
Alla erigenda Opera la Contessa assegnava e legava:
1)  la sua casa di campagna detta del Colombero con i due giardini annessi, lasciando in facoltà del Vescovo e Parroco di San Pietro, nominato perpetuo amministratore, di fissare quel fondo che giudicassero a proposito per il riordinamento ed ampliamento di detta casa destinata ad uso degli Esercizi onde renderla capace di contenere il maggior numero possibile di soggetti;
2) la cascina del Molinetto con case e beni ad essa appartenenti, posta parte nel Comune di Cervasca, cantone di S. Bernardo, e parte nel Comune di Cuneo, frazione di Passatore.
La casa con i giardini aveva il valore approssimativo di L. 15.000, la cascina, dedotte sei giornate, restava di 44 giornate, del valore di circa L. 50.000.

Gli appuntamenti